Crisi del 1929

 

 

 

 

Index Roared to Fame in 1920s

Try talking about the stock market without mentioning the Dow Jones Industrial Average: It is a little like talking about the weather without mentioning the temperature.

It wasn't always that way. For the first 25 years or so of its existence, the industrial average was mostly absent from headlines in the financial press.

In the late 19th century and early 20th century, investors focused mainly on the action of individual stock issues rather than the market as a whole. When they did look at market averages, they were more likely to look at railroad stocks, the blue chips of the day, than at industrial stocks, which were considered speculations.

It was in the Roaring '20s that many investors first became intimately acquainted with the industrial average. That was when masses of average citizens began buying stocks by the bundle. Their enthusiasm carried the industrial average from around 100 in 1924 to nearly 400 by mid-1929.

More than 20 years after it first hit the 100 mark in early 1906, the industrial average broke 200 in 1927. For two decades, the compound average annual gain in the index was an unexciting 3.2%. World War I and a fierce flu epidemic were among the factors that held down stocks in the early part of the century.

But in the '20s, the industrial average set a record in each of six consecutive years from 1924 through 1929. That was the longest such string on record until the current bull market, and by some measures the 1920s bull market was the strongest ever.

Give part of the credit to President Calvin Coolidge, known as Silent Cal. When Mr. Coolidge said, ''The business of America is business,'' he meant it. His hands-off, or laissez faire, policies contributed to the economic and stock-market booms of the time, and certainly had at least an indirect effect on the popularity of the industrial average.
Then, the crash of 1929 thrust the Dow industrials to true prominence. Investors were hungry for a way to gauge the overall damage, so the Dow industrials made front-page headlines.

On Oct. 28, 1929, The Wall Street Journal's main headline announced that the ''Industrials'' were ''off 38.33.'' The next day, they fell another 30.57 points. (Those two plunges, of 12.82% and 11.73% respectively, remain the second-highest and third-highest of all time in percentage terms, behind the record 22.61% crash on Black Monday, Oct. 19, 1987.) In six days, the industrial average lost more than 96 points, nearly 30% of its value.

Competition to the Dow industrials began to arrive in the mid-1920s. For example, the forerunner of Standard & Poor's began compiling the performance of 200 stocks on a regular basis in 1926.

Today, there are several more sophisticated indexes. But the public has long since adopted the Dow Jones Industrial Average as its stock-market standard. If you ask the average investor what ''the market'' did today, you can bet that he or she will answer with the performance of the Dow industrials.

A Prosperous '28 Closes at 300

It took nearly 22 years for the Dow Jones Industrial Average to rise from 100 to 200. But it took barely over a year for the average to vault the next hundred points.

The industrial average hit precisely 300 on the last day of 1928. It had soared 48% that year, making 1928 one of the best in history. (The only better have been 1915 and 1933.)

''I call it the final fling upward,'' says Richard Stillman, a former professor and author who has written a book on the DJIA. ''This was a great era of euphoria. Prosperity was an explosion: Automobiles were in mass production, radios were in mass production,'' and telephone and aerospace industries were taking off.

Professor Stillman thinks that Herbert Hoover's victory over New York Governor Al Smith in the 1928 presidential race also helped the Dow industrials surmount 300. ''The political climate continued to be highly favorable to business,'' he says. Mr. Hoover favored ''rugged individualism,'' and the less interference in business, the better.

A few weeks before the DJIA hit 300, the editors of The Wall Street Journal, who determine how the average is calculated, made major changes. They increased the number of stocks in the average to 30 from 20. Today, the average still contains 30 stocks, even with periodic replacements.

The 1928 shift paid homage to the growing power of the auto industry. Chrysler Corp. and Nash Motors were both added, as was Bethlehem Steel Corp., which provided metal for the cars, and Texas Corp., which later became Texaco Inc. Other additions were Postum, which made a then-popular beverage; Victor Talking Machines, a phonograph maker; and Radio Corp. of America.

After hitting 300, the Dow industrials would soar further in 1929, peaking at 381.17 in September. But in the crash of 1929 and the Depression, they would plummet. It would take a quarter century -- until 1954 -- before they would surmount the 300 barrier again.

 

Volatile Stocks Marked the '30s

Most investors know that the Dow Jones Industrial Average did miserably during the Depression of the 1930s. It began the decade at 248.48, down from a high of 381.17 before the crash of 1929. By July 1932, the depths of the Depression, the industrial average was crawling at 41.22. It ended 1939 at 150.24.

What many investors don't know is that the 1930s were also the most volatile decade on record for stock prices. Investors, their nerves rubbed raw by the Depression, were prone to fits of euphoria and despair.

Thus, the industrial average plunged 52.7% in 1931 and 32.8% in 1937, but it rose 66.7% in 1933 and 38.5% in 1935. Daily volatility was also intense. Strange as it may seem, seven of the 10 biggest up days in history, on a percentage basis, occurred during the 1930s.

Franklin Delano Roosevelt took office in 1933, instituted social programs and put people to work building roads and public buildings. The history of his administration could serve as a political Rorschach test. Peering at the inky lines, some see Demon Roosevelt, others Savior Roosevelt.

The stock market generally seemed to like FDR's measures. The Dow industrials rose 39 points in 1933, 6 points in 1934, 40 points in 1935 and 36 points in 1936.

Richard J. Stillman, professor emeritus at the University of New Orleans, said in an interview in 1996 that the launch of the Civilian Conservation Corps, the Securities and Exchange Commission and Social Security helped turn the Dow around.

However, the late Robert Sobel, a professor of business history at Hofstra University on New York's Long Island, disagreed. The market was rebounding anyway, and the New Deal provided a psychological, not an economic, boost, he argued.

By 1938 the Dow had fallen below 100 again. Mr. Sobel blamed Mr. Roosevelt, for raising taxes. Mr. Stillman said overseas demand for U.S. goods was weak, as other countries were embroiled in their own miseries. The two historians agreed that World War II was the spark that finally ended the agony. Said Mr. Sobel: ''The war took the country out of the Depression, not Roosevelt.''

 

 

IL CRASH DEL '29

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il crash di Wall Street del 1929 entrò nella fase più drammatica il 10 ottobre, culminata il 13 novembre con una perdita del Dow Jones nell’ordine del 43% in un mese; in questa profonda e rapida correzione si poté assistere a un rimbalzo tecnico intermedio di due sedute alla fine di ottobre, dove l’indice salì del 18,7% senza peraltro spingersi oltre il livello del 38,2% di recupero di Fibonacci, ripiombando poi verso il basso fino al minimo del 13 novembre. Le condizioni di base furono peraltro abbastanza differenti da quelle attuali: il massimo storico toccato dall’indice poco più di un mese prima, il 3 settembre 1929, costituì infatti un punto di notevole sopravvalutazione delle quotazioni di borsa, dopo quattro anni di rally che avevano quasi quadruplicato il valore del Dow Jones (nei soli mesi estivi l’indice avanzò del 31%). Il 13 novembre i corsi di Wall Street tornarono semplicemente sul livello di metà anno precedente.
La reazione che ne seguì, suddivisibile in due fasi e culminata nell’aprile del 1930, non riuscì comunque ad andare oltre il 50% di recupero del tracollo autunnale, innescando una nuova discesa che nel giugno del 1930 ricondusse la borsa americana in prossimità dei minimi del 1929. La prima fase della reazione si tradusse in un’ondata di acquisti molto esplosiva di matrice emotiva, dove la successiva correzione si arrestò sul minimo che ha preceduto il punto più basso toccato il 13 novembre. La seconda fase si dimostrò invece più moderata ma più estesa, con correzioni intermedie di debole portata.
Nell’ottobre del 1930, un anno esatto dopo l’avvio della crisi, Wall Street aprì nuovi minimi che condussero, nell’ambito di un trend ribassista in cui tutti i massimi e i minimi intermedi furono rigorosamente decrescenti, al punto molto più basso toccato nell’estate del 1932: siamo nella grande depressione economica, i cui danni consentirono al mercato americano di recuperare il minimo del ’29 solamente all’inizio del 1950.
 

 

LA CRISI DEL 1974

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Hanno basi più agganciate all’economia i forti ribassi di Wall Street accusati nel 1969, 1970 e 1974: il tema di fondo fu infatti la recessione che colpì gli Stati Uniti nel 1970 e nel 1974, abbinata nel primo caso alle tensioni sociali generate dalla guerra in Vietnam e nel secondo caso allo shock petrolifero che fu concausa del brusco rallentamento economico.
Nel primo caso la correzione iniziò sul finire del 1968, dopo che il Dow Jones testò per la seconda volta quota 1.000 (l’altra fu a inizio ’66): la fase correttiva di quel tempo può essere scomposta in tre ondate ribassiste, dove la prima e l’ultima furono le più veloci e profonde. La reazione che si inserì al termine della prima, nell’ordine dell’8%, non fu in grado di varcare la soglia del 38,2% di recupero del terreno perduto tra maggio e luglio del ’69, innescando quindi una nuova discesa che accelerò non appena vennero ceduti i minimi della prima ondata di vendite. Il rimbalzo registrato nel maggio del 1970 al culmine della terza ondata di vendite, nell’ordine del 12%, procurò invece un recupero del 50% rispetto all’ultima discesa e la veloce correzione che ne seguì, mantenendosi a una buona distanza rispetto al minimo toccato due mesi prima, convinse il mercato a ripartire: lo slancio divenne più robusto, con massimi e minimi relativi visibilmente crescenti, quando fu varcata la soglia del 50% di recupero rispetto all’ultima ondata di vendite, accelerando ancora di più non appena venne superato anche il livello che segnava la metà strada del ritorno verso il massimo storico da cui era partito l’intero ripiegamento.
L’arretramento del 1973-1974 è stato invece capovolto da un evidente doppio minimo disegnato dal Dow Jones nell’ottobre e nel dicembre del ’74, interrompendo una discesa che solo nei mesi di agosto e settembre abbatté i corsi del 27,5%. Il doppio minimo conteneva una distanza del 15% tra i due minimi e il massimo intermedio, varcato il quale l’indice si slanciò verso un celere recupero del terreno perduto: già a luglio del 1975 Wall Street riprese il 61,8% dell’intera discesa iniziata nel gennaio del ’73, che aveva dimezzato il valore del Dow Jones.

 

IL TONFO DEL 1987

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qualcuno indica i sistemi automatici di trading e l’uso già da allora della leva finanziaria (nuove disponibilità in cambio di azioni in garanzia) come responsabili, ma in realtà non è chiara la ragione che portò Wall Street a un’impressionante correzione venerdì 16 e lunedì 19 ottobre del 1987, quando il Dow Jones perse il 30% in due sole sedute, di cui il 25% nella sola giornata di lunedì. Anche in questo caso il listino americano proveniva da una corsa che procurò il raddoppio delle quotazioni negli ultimi due anni (chi non si ricorda Michael Douglas nel film “Wall Street”?), conducendo il mercato al massimo storico segnato due mesi prima dell’improvviso crollo, nell’agosto del 1987. Nonostante il recupero del 15% portato a casa nelle due sedute seguenti, l’indice si mosse poi nell’ambito del range delimitato dal massimo e minimo della seduta del 19 ottobre per i successivi 14 mesi, ripartendo al rialzo nel gennaio del 1989. Non ci furono quindi le paventate conseguenze in analogia al ’29: la Federal Reserve seppe infatti intervenire con abbondanti dosi di liquidità per fronteggiare l’inevitabile emergenza monetaria.

 

LO SBOOM DEL GIAPPONE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La situazione del Giappone a inizio ’90 è graficamente simile al 1929 di Wall Street: dopo quattro anni che portarono il Nikkei a triplicare la quotazione, spinto dal boom del comparto immobiliare e da quello della finanza, la prima seduta di borsa del 1990 chiuse di fatto un decennio d’oro per il Sol Levante, alzando il sipario a una drammatica inversione di rotta: nel gennaio del 1990 il Nikkei iniziò una decisa correzione, dove le tre settimane di tenuta registrate a partire da metà mese lasciarono poi spazio a violente ondate di vendite. L’indice si trovò a perdere il 28% entro la fine di marzo, rimbalzando poi del 13,8% nella reazione culminata in maggio (il rimbalzo si innescò dopo una figura di doppio minimo) per poi sprofondare nei mesi successivi fino a retrocedere del 47% al termine di settembre. Anche in questo caso, come nel ’29 americano, la reazione di un certo respiro che nacque dopo il culmine della caduta non riuscì ad andare oltre il 50% di recupero del tracollo.
Le Autorità giapponesi sottovalutarono l’accaduto, senza agire prontamente a sostegno del comparto immobiliare e della finanza: il dissesto delle banche giunse puntuale e con esso una pesante e prolungata recessione che ricorda in piccolo la grande depressione americana; nel 1992 il Nikkei aprì infatti nuovi minimi fino a quota 14.000 punti, ripetutamente testati negli anni successivi e infine nuovamente ceduti all’inizio del 2001. Oggi il Nikkei quota attorno a 8.500 punti, non molto al di sopra del punto più basso degli ultimi 18 anni segnato nel 2003 a 7.700 punti. (riproduzione riservata)

 

Crisi del 1929

Il crollo di Wall Street nel 1929 dà inizio alla grande depressione americana degli anni 1929-1932. Una profonda crisi economica con drammatiche ripercussioni sull'occupazione. Il 24 ottobre 1929, detto giovedì nero, la borsa valori del New York Stock Exchange registra un rapido e repentino crollo. Il trend non è compensato sufficientemente dai movimenti speculativi e il 29 ottobre 1929, detto martedì nero, la borsa crolla definitivamente.

crisi 1929

La crisi finanziaria si trasmette quasi immediatamente all'economia reale. Il commercio nazionale e internazionale subisce un forte rallentamento. I prezzi e i profitti si riducono. La riduzione dei prezzi penalizza tutti i settori dell'economia. Una delle principali cause della crisi deriva dai comportamenti finanziari poco attenti alla qualità dei titoli nel corso degli anni 20. Si compra per rivendere senza guardare al loro contenuto e facendo poca attenzione all'economia reale. In altri termini, alla crescita delle quotazioni dei titoli non corrisponde una crescita equivalente anche della produzione reale. Negli anni '20 le quotazioni dei titoli crescono esclusivamente per azione della grande domanda degli stessi. Gli stessi grandi uomini di affari incentivano la crescita della domanda al solo scopo di aumentare il valore del proprio portafoglio titoli. Nel momento in cui scoppia la bolla speculativa si innesca un processo contrario e rapido. Tutti cercano di vendere (liquidare) i propri titoli nel più breve tempo possibile causando il fulmineo ribasso del loro valore in borsa. Il fenomeno è definito preferenza per la liquidità. Il panico si diffonde dagli operatori di borsa ai semplici risparmiatori, i quali pur non possedendo azioni e titoli cercano di mettere al riparo i propri risparmi prevelevandoli in massa dai depositi bancari. La corsa agli sportelli causa la crisi della liquidità e il fallimento di molte banche e delle industrie in cui avevano investito. Dal 1929 al 1932 la produzione americana si dimezza. Il taglio sulla domanda di lavoro getta nello stato di povertà e di disoccupazione prolungata un'intera popolazione di lavoratori. Per la gravità delle sue conseguenze sulla società la crisi del 1929 è considerata il simbolo delle crisi finanziarie del Novecento. Ancora oggi è utilizzata come metro di confronto per valutare l'entità delle crisi economiche-finanziarie contemporanee.

 

La crisi del 1929
(il crollo di Wall Street)

1. L'evoluzione del liberalismo economico

Il liberalismo economico o liberismo ritiene che la libera iniziativa economica dell'individuo, non condizionata dallo Stato, sia la condizione per il funzionamento del mercato. La libera concorrenza e il libero scambio determinano l'aumento della produzione a beneficio della maggioranza della popolazione. Il solo intervento dello Stato, riconosciuto come lecito, è quello di rimuovere gli ostacoli che impediscono il corretto funzionamento del mercato.

Nel dibattito economico del XVIII secolo la fisiocrazia ha esposto per prima questo concetto individuando nella "natura" la fonte di ogni ricchezza e condannando qualsiasi ingerenza da parte delle autorità, che ostacolasse o indirizzasse lo sviluppo economico del paese. Ai fisiocrati va riconosciuto il merito di aver superato l'idea mercantilistica che la ricchezza e il suo incremento siano dovuti allo scambio. In Inghilterra fu Adam Smith a sostenere nell'Indagine sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni la medesima teoria con la differenza che la ricchezza non è prodotta dal lavoro dei campi ma dall'attività industriale, che proprio in quel periodo conosceva il suo straordinario sviluppo.

La politica liberista ebbe il massimo sviluppo in Europa nel periodo 1850-1880, soprattutto ad opera dell'Inghilterra e continuò ad essere seguita fino alla prima guerra mondiale. In ambito dottrinale, dagli anni '70 dell'Ottocento, si ebbe il superamento dell'impostazione tradizionale dell'economia con la scuola marginalista o neoclassica. Essa criticò la concezione ricardiana di valore/lavoro, condivisa da Marx, secondo la quale il valore della merce era stabilito dalla quantità di lavoro socialmente utile per produrla; riprese la teoria della "mano invisibile" di Smith e la teoria edonistica di Bentham, ma sviluppò in tutt'altro modo l'indagine economica.

L'analisi economica doveva partire non dall'offerta ma dalla domanda, dal bisogno del compratore che sa valutare quanto dei suoi risparmi o del suo reddito va speso per l'acquisto delle merci. Il valore di una merce quindi è indicato nella sua "utilità marginale", cioè in relazione al suo grado o "margine" di utilità. In altri termini, il valore e l'utilità di una merce sono in relazione alle altre merci e ai bisogni degli uomini. Analogamente l'imprenditore è spinto a produrre una certa quantità di merce nella misura in cui consegue un "sufficiente margine" di guadagno. Questa analisi viene affrontata dai marginalisti in modo isolato e indipendente da considerazioni di altra natura, sia di ordine sociale, sia di ordine politico, come invece le precedenti teorie avevano sostenuto.

Tale sistema, ritenuto stabile e armonico, sarà oggetto di critica da parte di Keynes che propose descrizioni più ampie e dinamiche dei rapporti economici.

(Cfr. la mappa concettuale: Il liberalismo)

2. Introduzione alla crisi Torna all'inizio

Il crollo di Wall Street, il grande crollo, la crisi del 1929, sono tutte espressioni usate per indicare un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero considerevolmente e su scala mondiale produzione, occupazione, redditi, salari, consumi, investimenti, risparmi, ovvero tutte le grandezze economiche il cui andamento caratterizza di norma lo stato di progresso o di regresso dell'economia di un paese. Ciò che rese unica questa crisi fu che la contrazione dell’attività economica fu in quegli anni così rapida e radicale come mai era accaduto. Quando la crisi esplose, nel 1929, la letteratura economica era assai ricca e si vantava di poter ricostruire le vicende delle varie crisi succedutesi nel tempo, nonché di poterne fornire spiegazioni logiche. Erano già state individuate e più o meno studiate le crisi del 1816, 1825, 1836-39, 1847, 1857, 1866, 1873, 1882-84, 1890-93, 1900-1903, 1907, 1911-13, 1920, 1924, 1926-1927. Si sapeva inoltre quali fattori del processo economico potevano essere ritenuti responsabili delle crisi: l'eccesso di risparmio (Malthus), l’insufficienza del consumo (Sismondi), il tasso d’interesse tenuto artificiosamente basso (Wicksell), e ancora: l’eccesso di impianti nelle industrie di beni strumentali rispetto a quelle di beni di consumo; l’eccesso di credito, etc. Si era consapevoli del peso dell’andamento dei raccolti, delle innovazioni tecnologiche e del credito il cui utilizzo era sempre in crescita (con l’esito di aumentare considerevolmente la violenza delle fluttuazioni). Infine l’aspetto monetario, le variazioni nel ritmo della produzione dell’oro... etc.

Pur nella natura variopinta delle crisi, vi era accordo sul fatto che queste, al di là della loro durata, risultavano sempre racchiuse tra un punto di svolta inferiore (o crisi) dopo il quale cominciava la contrazione dell'attività economica, e un punto di svolta superiore (o punto di ripresa).

Il ricco bagaglio letterario non aiutò i grandi economisti statunitensi (Irving Fischer, Charles E. Mitchell, Joseph S. Davis) a intuire negli indubbi segni di eccitazione che caratterizzarono l’economia americana del 1928-29 l’approssimarsi della grave crisi (non mancò però chi, come Roger Babson, annuncio un crollo catastrofico).

La crisi si manifestò in maniera improvvisa ma non inattesa. Ancora alla fine dell’estate del 1929 la borsa di New York, nella quale poi esplose, attraversava una fase di grande euforia e speculazione. Ma prima un periodo altalenante, poi giovedì 24 ottobre il primo giorno di panico (in cui 13 ML di azioni vennero vendute a prezzi nettamente inferiori a quelli di acquisto), e infine martedì 29 ottobre (più di 16 ML). Nonostante gli interventi, sia organizzati che spontanei, allestiti da gruppi bancari e finanziari per dare fiducia al mercato, il crollo delle azioni non incontrò argini.

3. Le cause storico-politiche della crisi Torna all'inizio

Il crollo della borsa, piuttosto che la causa della crisi, fu il segnale della depressione. La crisi esplosa sul finire dell’ottobre 1929 aveva origini lontane, vi aveva concorso seriamente lo sconvolgimento che nelle relazioni economiche, monetarie, e finanziarie internazionali aveva prodotto la prima guerra mondiale.

Alle gravi perdite di vite umane e di ricchezza provocate dalla guerra (circa 10 ML di morti cui vanno aggiunti 20 ML di morti per la spagnola, 20 ML di feriti, tra cui moltissimi invalidi e pertanto inidonei al lavoro e circa 400 miliardi di dollari) si erano aggiunti:
1) il collasso politico dell’Impero asburgico, con il sorgere dalle sue ceneri di numerosi altri stati (Jugoslavia, Cecoslovacchia, Ungheria, Polonia), che non avevano tardato a imboccare la strada di politiche protezionistiche, e quindi limitatrici degli scambi internazionali;
2) la rivoluzione russa (con la conseguente esclusione dell’economia sovietica dai liberi traffici mondiali, nonché la nascita di altri Stati, come la Finlandia e le Repubbliche baltiche di Estonia, Lituania e Lettonia);
3) il collasso economico della Germania, cui il trattato di Versailles aveva imposto il fardello del riconoscimento dei debiti di guerra e del pagamento delle riparazioni.

L'Inghilterra. Oltre a impoverire vaste regioni dell’Europa orientale e dell'Europa centrale e a provocare elementi di disgregazione negli equilibri economici e nei rapporti commerciali internazionali, la guerra aveva anche frantumato l’equilibrio monetario raggiunto negli anni che precedettero la prima guerra mondiale. Le monete della maggior parte degli Stati occidentali erano state assai vicine alla loro parità legale, e i valori interni delle singole monete erano stati solidamente legati all’oro (unità di misura internazionale). Durante la guerra gli Stati avevano ecceduto nelle emissioni di carta moneta ad eccezione degli Stati Uniti che riuscirono a mantenere inalterata la convertibilità in oro (Gold Standard) del dollaro. La misura del danno sofferto dalle altre monete emergeva dal loro cambio con il dollaro. Fino alla guerra la Gran Bretagna era stata il «banchiere del mondo» e la sua moneta - la sterlina - era stata il pilastro del sistema monetario internazionale (tutti i prodotti erano prezzati in sterline); era anche il principale centro assicurativo del mondo (i Lloyds di Londra); e, per l’imponente flotta mercantile di cui disponeva, era centro del mercato dei noli.

La Grande guerra non mutò d’un tratto questa situazione, ma le necessità della guerra avevano fatto trascurare l’aggiornamento tecnologico dell'apparato produttivo, privandolo di una parte della sua concorrenzialità. Al tempo stesso, impegnato com’era nella guerra, il Paese aveva anche trascurato parte dei mercati mondiali, lasciando maggiore spazio sia ad alcuni dei suoi Domini (India) sia a talune nazioni (Stati Uniti e il Giappone).

La fine della guerra trovò così l'Inghilterra indebolita sia sul piano produttivo che su quello finanziario e monetario; mentre gli Stati Uniti apparivano cresciuti economicamente e finanziariamente, e divenuti, da paese debitore, paese creditore dell’Europa. Si accendono cioè le luci sul mercato finanziario di New York. Il mercato di Londra, dal canto suo, andò lentamente perdendo forza, soprattutto nelle possibilità di credito, e finì addirittura per indebolire le sue riserve auree.

Già nel 1920 la sterlina era svalutata rispetto al dollaro del 22%. Ma allo scopo di non affievolire il prestigio della City l’Inghilterra, invece di riconoscere il mutato rapporto della sterlina col dollaro, e stabilizzare il valore della sterlina alla nuova parità determinatasi, adottò una politica deflazionistica che le permise di ripristinare nel 1925 il rapporto con il dollaro alla parità prebellica, segnando il ritorno alla convertibilità aurea, sia pure integrata dall’apporto di monete forti (Gold Exchange Standard). L’attuazione di questa politica deflazionistica, determinando una caduta dei prezzi interni e dei tassi di profitto e di interesse rispetto a quelli esteri, indebolì le esportazioni e favorì largamente le importazioni, contribuendo a precipitare l'economia britannica in una grave crisi, che non mancò di avere i suoi risvolti sociali, come attestano i gravi conflitti nel mondo del lavoro che culminarono nel lungo, estenuante sciopero dei minatori del 1926.

Stati Uniti. Del tutto diversa la condizione degli Stati Uniti. Con le sole eccezioni del 1924 e del 1927, gli USA registrarono un boom ininterrotto fino all’ottobre 1929. A stimolare l’economia americana furono molti fattori:
- l'espansione dell’industria edilizia e delle industrie da questa indotte;
- una serie di innovazioni, basate sullo sfruttamento di nuovi prodotti (l’automobile, grazie all’adozione di nuovi sistemi di produzione) e delle industrie collegate (petrolifere, della gomma, dell’acciaio, delle costruzioni stradali, dei trasporti stradali, ecc.);
- lo sviluppo dell'industria elettrica, la cui produzione raddoppiò tra il 1923 e il 1929;
- l’impulso notevole alla razionalizzazione dei processi produttivi, con l’adozione, nelle industrie dei prodotti di massa, di un’organizzazione scientifica del lavoro, o «taylorismo», mirante ad eliminare i tempi morti, e a ridurre al minimo i movimenti inutili (un esempio per tutti fu l'adozione della catena di montaggio da parte della Ford agli inizi del secolo).

Il reddito nazionale aumentò, fra il 1923 e il 1929, del 23% laddove la popolazione, in seguito alle leggi restrittive dell'immigrazione del 1921, aumentò solo del 9% e la forza di lavoro solo dell'11%. Questa maggiore disponibilità di capitali fece degli Stati Uniti il paese più prospero del mondo. E furono proprio queste abbondanti disponibilità che consentirono agli USA di concedere cospicui prestiti non solo all’Europa ma anche all’America latina, al Canada e ad alcuni paesi asiatici (si parla in tutto di quasi 30 miliardi di dollari). La maggior parte dei prestiti fu concessa ai paesi europei dopo che essi erano riusciti a domare l'inflazione che li avevano afflitti nel dopoguerra. Inflazione che era stata di tale ampiezza e gravità che si era dovuto provvedere a sostituire le monete esistenti, creandone delle altre, dopo aver assicurato loro congrue ed effettive garanzie (dalla corona allo scellino in Austria; dal marco al renten-mark in Germania; dal rublo al rublo-cervonetz in Russia).

Dato che il sistema monetario prebellico era ancorato all’oro si ritenne che bisognasse ritornare all’oro. E poiché era la moneta inglese il punto di riferimento delle altre monete europee, il fatto che essa puntasse a ripristinare il rapporto prebellico col dollaro non fu senza conseguenza per gli altri paesi occidentali. Anche se non si ebbe un vero e proprio ritorno al Gold Standard, ma si arrivò ad un Gold Exchange Standard, nel senso cioè che si equipararono all’oro le valute pregiate estere, il risultato non fu meno grave. Le riforme monetarie, mano mano che si succedevano creavano (o scoprivano) il vuoto nelle economie interessate. Così quando l’Inghilterra nel '25 tornò alla parità entrò in crisi; allo stesso modo, quando nel ’27 la lira si allineò alla sterlina ebbe inizio la crisi anche in Italia (cfr. A. Musco). Eppure fu dopo questa generale sistemazione delle monete europee svoltasi tra il 1925 e il 1927 che gli Stati Uniti intensificarono i loro prestiti ai vari Paesi europei. Nei soli anni 1925-1929, gli Stati Uniti prestarono all’estero circa tre miliardi di dollari. E a poco a poco una gran parte dell’oro del mondo si andò a concentrare a Fort Knox (che nel 1929 ha già il 38% dell’oro del mondo).

In Europa la Germania era stata il maggior beneficiario dei prestiti americani, e grazie a questi aveva potuto riprendersi rapidamente dal collasso del marco nel dopoguerra. Per fronteggiare le sue esigenze di sviluppo, la Germania aveva utilizzato molti dei prestiti americani a breve termine per investimenti a medio e a lungo termine, confidando che, dato il ritmo e l'intensità dello sviluppo dell'economia statunitense, questi prestiti non sarebbero stati rapidamente ritirati. E in quale migliore mercato investire se non proprio New York? Sempre più capitali a breve termine, l’hot money («moneta calda»), furono attratti pertanto dal boom della borsa di New York.

Ma l’aumento delle quotazioni alla borsa di New York non era collegato all’aumento dei dividendi delle azioni, cioè dei profitti delle corrispondenti società, bensì a un puro gioco di speculazioni. Dal momento che i prezzi crescevano appariva vantaggioso comprare per rivendere, senza preoccuparsi della bontà dei titoli. Per il possesso di questi titoli l’investitore piccolo come quello grosso ricorreva alle banche per ottenere i finanziamenti necessari al completamento dell’operazione. Fu così che tra il 1925 e il 1929 il numero dei valori scambiati raddoppiò (incurante dell’aumento del tasso di sconto del governo statunitense del 1924).

Nell’autunno del 1929 gli Stati Uniti, che tenevano in piedi e unito il sistema economico internazionale, cominciarono a richiamare drasticamente i capitali sottraendoli, quindi, alle attività in cui erano investiti. E la crisi si allargò a macchia d’olio.

4. Caratteri della crisi Torna all'inizio

La conseguenza diretta del crollo della borsa fu la caduta dei prezzi agricoli, delle materie prime e, poi (ma in misura minore), dei prodotti industriali e la rapida contrazione del commercio in tutto il mondo, il che non poteva non riflettersi negativamente sul potere d’acquisto degli strati produttivi di tutti i paesi. Il quadro degli effetti della crisi è desolante, seppur costellato di luci e ombre:
- i salari si ridussero ovunque, anche se la caduta dei prezzi delle derrate alimentari servì a contenere i danni per il livello dei consumi; tuttavia la riduzione dei salari non contribuì ad accrescere la produzione attraverso nuovi investimenti, ma si tradusse solo in riduzione di prezzi (cfr. Michal Kalecki);
- i profitti industriali si contennero, ma non vennero eliminati completamente, grazie al processo di rapida concentrazione industriale che si era sviluppato dal dopoguerra (cfr. Hermann Levy);
- altro fenomeno di rilievo nei paesi industriali colpiti dalla crisi, come la Gran Bretagna, dove il movimento sindacale era più solidamente organizzato, fu che i salari subirono minori riduzioni per la diminuzione del numero dei salariati occupati (fatto che già veniva evidenziandosi nel periodo precedente).

La crisi fu aggravata anche dalla politica economica seguita dagli Stati Uniti. Con le loro esportazioni di capitali, avevano contribuito a mantenere in equilibrio la bilancia internazionale dei pagamenti. Scoppiata la crisi, essi non accrebbero questa esportazione di capitali, anzi iniziarono il ritiro dall’estero dei capitali a breve termine. Il ritiro di questa «moneta calda», che già era cominciato nel 1928, si intensificò nel 1930 e nel 1931 e toccò gradualmente livelli mai registrati in passato.

Questa tendenza al ritiro dal mercato internazionale, specie europeo, fu rafforzata dalla politica doganale che gli Stati Uniti perseguirono. La tariffa doganale (la famosa Hawley-Smoot) che essi adottarono a partire dal giugno 1930, fu duramente protezionistica, e, quel che è più grave, costituì un pericoloso precedente.

Certo, a spingere molti paesi a scegliere la via dell’isolazionismo, o del nazionalismo economico, fu la stessa asprezza della crisi. Nei mesi che seguirono l’ottobre 1929, la produzione industriale andò rapidamente crollando in tutti i Paesi.

Fanno eccezione:
- l'URSS, che si era esclusa dall’economia mondiale (e che peraltro non poté evitare di subire, proprio a partire dal 1929, a causa della lotta ai contadini ricchi, kulaki, gravi e irreparabili danni in agricoltura);
- il Giappone, che affrontò la crisi (inclusa la guerra) con misure inflazionistiche;
- i paesi scandinavi, esportatori di particolari materie prime per le quali la domanda non subì riduzioni sensibili.

Oltre che borsistica, industriale, agricola e commerciale, la crisi fu presto anche bancaria. Il fatto che le industrie non producessero, e che quel che producevano dovesse essere venduto a prezzi bassi, con minori profitti, e che gli agricoltori, per la caduta dei prezzi agricoli, fossero costretti o ad abbandonare la terra, o ad accontentarsi di un guadagno minimo, ebbe notevoli conseguenze sul sistema bancario. Sia l’industria che l'agricoltura erano seriamente indebitate con le banche. Nel periodo di boom, che aveva preceduto lo scoppio della crisi, queste banche avevano ecceduto nei prestiti, confidando non solo in una restituzione regolare, ma anche nel fatto che i risparmiatori non avrebbero ritirato i loro depositi, ed anzi li avrebbero accresciuti.

La crisi mise in difficoltà molte banche. Compromesso dalla caduta delle vendite e dei prezzi, un numero crescente di imprese non fu in condizione di pagare i debiti alle scadenze, e intanto le banche erano premute dai loro depositanti che, spinti a loro volta da crescenti esigenze di liquidità, volevano la restituzione di tutto o parte delle somme depositate. Schiacciate tra l’incudine del mancato rientro dei prestiti e il martello dei depositanti che pretendevano la restituzione dei loro capitali, molte di queste banche furono costrette a chiudere i battenti trascinando nel fallimento altre banche collegate (e risparmiamo i numeri). Un esempio per tutti: nel dicembre 1930 fallì la Bank of the United States in New York city, che contava oltre 400.000 depositanti, ne fu danneggiato un terzo della popolazione di New York.

5. Primi rimedi e loro conseguenze Torna all'inizio

Di fronte al disastro la reazione dell’opinione pubblica statunitense fu varia (fatalismo, condanna del consumismo, affermazione della moralità calvinista contro il lassismo), mentre il mondo economico reagì sollecitando misure deflazionistiche atte a tutelare la moneta (quali la riduzione dei consumi privati e tagli severi alla spesa pubblica, anche a quella assistenziale). La reazione del presidente repubblicano, Herbert Hoover, non fu incisiva.

Da un lato:
- si oppose inizialmente a rigorose misure deflazionistiche;
- stimolando la spesa per opere pubbliche;
- facendo pressione sugli industriali perché non riducessero i salari;
- creò nel 1930 una Grain Stabilization Corporation e una Cotton Stabilization Corporation per sostenere i prezzi sia dei cereali che del cotone, in rapida caduta.

Dall’altro, però:
- si rifiutò di porre mano a un piano di pubblica assistenza (solo 5 dollari alla settimana per famiglia);
- preferendo fare affidamento sulla carità privata e sull’azione dei governi locali.

Molte famiglie, senza più assistenza finanziaria, impossibilitate a pagare i mutui fondiari, si videro addirittura espropriate della loro casa, mentre altre si trasferivano in località dove speravano di trovare lavoro. Emblematico al riguardo è il lungo viaggio che Joad e la sua famiglia compiono nel romanzo di Steinbeck, Furore, dall'Oklahoma alla California.

Sul piano internazionale, la crisi si manifestò con la contrazione del commercio (importazioni-esportazioni: da 68.606 milioni di dollari-oro nel 1929 a 24.175 nel 1933) che comportò, come prima conseguenza, l’adozione di dazi doganali nei confronti dei prodotti esteri, soprattutto dei cereali con la conseguente caduta delle esportazioni cerealicole per i paesi più poveri (soprattutto dell’Europa dell’est). Negli Stati Uniti la citata tariffa Haweley-Smoot aumentò i dazi mediamente del 60%, ma spesso dell'80 e anche del 100%; in Inghilterra - campione per antonomasia del free trade - l’Import Duties Act, estesa a tutto l’impero nella Conferenza di Ottawa del 21 luglio 1932, comportò dazi anche superiori al 33%.

In un tale contesto la Società delle Nazioni non seppe fare altro che convocare una riunione paneuropea nel febbraio del 1930 per una sorta di tregua doganale mai attuata.

Resasi sempre più evidente l’impossibilità di un accordo internazionale in materia commerciale, cominciarono a manifestarsi tentativi di accordi limitati a due o più Stati. Così si ebbe nel 1930 una convenzione ad Oslo tra Norvegia, Svezia, Finlandia, Danimarca, Olanda e Belgio, per una più intensa cooperazione regionale. Nel marzo 1931 fu poi avanzata una proposta di unione doganale tra Austria e Germania (!) cui si oppose la Conferenza di Stresa.

Non solo queste soluzioni non sortirono alcun effetto, ma addirittura travalicarono l’ambito commerciale come nel caso dell’accordo austro-tedesco: la Francia infatti ritirò immediatamente, in forma sanzionatoria, quei prestiti a breve che aveva concesso alle banche tedesche contribuendo così a rendere insostenibile la situazione economica della Reichsbank che reagì nell’unico modo a lei concesso, rialzando il tasso di sconto e determinando quindi un’ulteriore restrizione del credito e l’ennesimo colpo all’attività economica.

Per avere un’idea della portata della crisi si veda la tabella seguente in cui, posta uguale a 100 la produzione industriale dell’ottobre 1929, si riporta la situazione nei vari paesi relative al 1932:

U.R.S.S. 183

Olanda 84

Francia 72

Polonia 63

Giappone 98

Regno Unito 84

Belgio 69

Canada 58

Norvegia 93

Romania 82

Italia 67

Stati Uniti 53

Svezia 89

Ungheria 82

Cecoslovacchia 64

Germania 53

La crisi commerciale non poteva quindi non ripercuotersi in crisi finanziaria prima e monetaria poi. Il fallimento delle maggiori banche europee (la Credit Anstalt di Vienna, la Dresdner Bank e la Darmstadter und National Bank) non poteva non ripercuotersi sul mercato di Londra che si vide richiamare tutti quei prestiti a breve di cui era campione senza però essere in grado di liquidarli in quanto quegli stessi capitali erano stati investiti a medio e lungo termine. La richiesta di una moratoria nel settembre del 1931 da parte della Banca d’Inghilterra e del Governo laburista comportò, da un lato, la sospensione dei pagamenti (con conseguente ulteriore crollo dei creditori) e dall’altro una considerevole svalutazione della sterlina (30,68% rispetto al dollaro e abbandono del Gold Standard) e la fine di un’epoca.

Il terremoto finanziario, attraverso il medio dell’impero commerciale inglese, coinvolse tutte le monete mondiali.

6. La disoccupazione Torna all'inizio

Non si dà crisi (borsistica o finanziaria, bancaria o monetaria, commerciale o industriale) che non scarichi a massa i suoi effetti. Secondo i dati della Società delle Nazioni, la disoccupazione superò nel 1932 i 25 milioni di unità cui bisognava aggiungere i milioni di lavoratori agricoli e di contadini che, se non disoccupati, erano occupati quasi ovunque solo parzialmente. Maggiore fu quindi la disoccupazione in quelle nazioni dove la possibilità di lavoro-sfogo agricolo erano minori: 15 milioni negli Stati Uniti e 7 milioni in Germania - nazioni a forte tasso di industrializzazione. La Francia risentì in maniera nettamente inferiore del fenomeno disoccupazione per vari motivi contingenti (dopo la guerra fu meta di molti emigranti in cerca di lavoro che alle prime avvisaglie della crisi rimpatriarono; anche molti francesi abbandonarono le città rifugiandosi nelle fattorie agricole; ma la crisi in generale si manifestò in ritardo rispetto agli altri paesi – tanto che, come abbiamo visto, si era permessa ancora prestiti a breve nei confronti delle banche tedesche).

La disoccupazione fu aggravata dalle politiche deflazionistiche adottate per evitare conseguenze sul bilancio statale: riduzione degli stipendi, aumento della tassazione diretta anche sui salari, e drastica riduzione della spesa pubblica (si veda, per esempio, l'operato del governo Brüning in Germania). E dalla crisi sociale che ne seguì alla crisi politica il salto fu breve: è, infatti, al malcontento che essa suscitò che va attribuito il primo successo ottenuto da Hitler nelle elezioni del luglio 1932. Successo che si rinnovò e accrebbe nelle nuove elezioni del novembre, anche se, nel frattempo, a partire dagli inizi del settembre, il cosiddetto «piano di Von Papen» aveva cercato di imprimere numerosi stimoli alla domanda interna, e, con la riduzione del tasso di sconto al 4% e alcune agevolazioni creditizie, aveva favorito la ripresa industriale.

Ma ovunque la politica di contenimento della spessa pubblica e di salvaguardia del valore della moneta (promossa da Hoover) è da considerarsi una delle principali cause della ingente disoccupazione mondiale. Fu in questo quadro che le elezioni presidenziali negli Stati Uniti del novembre portarono alla sconfitta di Hoover e alla vittoria di F. D. Roosevelt.

7. Il 1933: il New Deal, la ripresa e... Hitler Torna all'inizio

Il 1933 segnò una svolta importante nella crisi. Sintomi di ripresa si verificarono un po’ dovunque. La produzione industriale registrò valori più alti di quelli dell’anno precedente, e l’occupazione accennò in generale ad aumentare. Tuttavia, il 1933 fu caratterizzato soprattutto da altri fatti importanti.

Il primo è il definitivo fallimento di ogni tentativo di collaborazione internazionale. La Conferenza economica e monetaria mondiale, apertasi a Londra nel giugno 1933 dopo una lunga preparazione, sanzionò l'effettiva frantumazione del mercato mondiale. Scontratasi sul problema se bisognasse stabilizzare le varie monete e attuare nuovamente il «ritorno all’oro», come base del sistema monetario e delle transazioni internazionali, la Conferenza si chiuse con la deliberata svalutazione del dollaro (10%) fermamente perseguita da Roosevelt, da pochi mesi al potere, e l’ostinata difesa dell'oro da parte della Francia. Dalla Conferenza uscirono tre blocchi principali con differenti politiche economiche:
1) dell’area del dollaro (Roosevelt voleva usare la svalutazione per operare una diminuzione dei debiti interni e per accrescere il potere d’acquisto dei ceti agricoli, in modo che essi potessero intensificare gli acquisti di prodotti industriali, e quindi contribuire attivamente alla ripresa);
2) dell'area della sterlina (la Gran Bretagna affermava esplicitamente che la politica monetarla non doveva essere rivolta al mantenimento della stabilità dei cambi esteri, ma solo ad assicurare credito abbondante e a buon mercato);
3) del blocco aureo: Francia, Belgio, Italia, Svizzera, Paesi Bassi e Polonia (questi Paesi miravano a garantire la stabilità e solidità della moneta, perseguita attraverso l'equilibrio nel bilancio statale e nella bilancia dei pagamenti, anche a costo di attuare politiche deflazionistiche);
 

La «caduta» del dollaro costituisce, senza dubbio, il secondo dei fatti più importanti del 1933. Salito al potere, agli inizi dell’anno, Roosevelt si trovò a fronteggiare un grave peggioramento delle condizioni del sistema bancario statunitense. I fallimenti si moltiplicavano. Furono più del doppio di quelli dell’anno precedente. Di fronte all’ampiezza del fenomeno, Roosevelt si adoperò per l’approvazione dell'Emergency Banking Act e poi del Banking Act (20 marzo 1933), cambiando radicalmente la politica economica del suo predecessore. Grazie alla notevole svalutazione del dollaro cui fu autorizzato dal Congresso, stimolò la spesa pubblica, intraprendendo un vasto programma di opere pubbliche, e ponendo mano a quello che fu chiamato il New Deal, un complesso di misure volte, in particolar modo:
1) a sostenere gli agricoltori attraverso il controllo della produzione attuato anche attraverso la riduzione della superficie coltivata, e la concessione di sussidi,
2) a contenere e ad eliminare la speculazione,
3) a ridurre lo strapotere dei grandi gruppi finanziari.

Altro fatto del 1933, non meno importante, soprattutto per le conseguenze che avrebbe prodotto, fu l'ascesa di Hitler al potere in Germania. La crisi economica gli era stata, come si è accennato, decisamente favorevole. Le quattro elezioni che si svolsero tra il settembre 1930 e il marzo 1933 videro il numero dei suoi deputati crescere da 107 a 288, ossia dal 18% a circa il 54% dell’intero numero di seggi del Reichstag.

Si è detto anche che il 1933 segnò l’inizio della ripresa. Il fenomeno non fu contemporaneo in tutti i paesi. Per l’Italia, ad esempio, bisognò attendere il 1934; per il Belgio, il 1935; ecc. Negli anni seguenti, la produzione continuò a crescere, e con essa l’occupazione e gli investimenti. Questa fase di ripresa culminò nel 1937, facendo ritenere che si fosse di nuovo di fronte a un boom. Tuttavia, già sul finire di quell'anno, si poterono rilevare qua e là segni indubbi di recessione. E se questa recessione non si estese e non si aggravò, trasformandosi in una nuova drammatica crisi, questo avvenne perché il mondo aveva imboccato chiaramente la strada del riarmo e della guerra. Nell’estate del 1938, dopo l'annessione dell’Austria alla Germania, l’incontro di Monaco confermò l’ineluttabilità di quella svolta. L'anno successivo, sul finire dell’estate, scoppiava la seconda guerra mondiale.

L’intervento statale e la fine del liberismo. L’interventismo statale assunse in primo luogo la caratteristica di un aumento della spesa pubblica. La riduzione della spesa pubblica era stata uno dei punti fermi delle politiche deflazionistiche adottate nella prima fase della crisi. Ora, nell’ultima fase, in molti paesi si ritornò a privilegiare la spesa pubblica ma, ancora una volta, con notevoli differenza tra paese e paese.

Negli Stati Uniti ad esempio, più che di un aumento della spesa per investimenti, si trattò di un aumento della spesa corrente. A differenza del periodo pre-crisi, nell'ultima fase della crisi si registrò cioè una modificazione nella struttura della spesa pubblica. La spesa per investimenti fu, in termini di reddito nazionale, assai inferiore a quella che era stata negli anni 1923-1929. Ancora più importante: la spesa corrente per consumi precedette la spesa per investimenti. Sarebbe stato, in sostanza, l’accento posto sul consumo a generare, attraverso l’aumento della domanda, la ripresa industriale.

In Germania si verificò, al contrario, il caso opposto. Furono le spese per investimenti che prevalsero. Il Governo nazista privilegiò lavori pubblici ed armamenti e furono questi investimenti pubblici a sollecitare quelli privati, sui quali, per altro, lo Stato non mancò di esercitare rigorosi controlli. Tuttavia, il Governo di Hitler non tralasciò di concedere all'industria privata sussidi statali ed esenzioni tributarie per talune forme d’investimenti.

Altra forma assunta dall’interventismo statale fu la politica del danaro a buon mercato. Questo fu il caso soprattutto della Gran Bretagna e dell’Italia: nell’intento di ridurre l’onere degli interessi gravanti sul bilancio statale si perseguirono politiche di conversione del debito pubblico (consistenti nel porre i possessori di titoli del debito pubblico nella condizione o di accettare una diminuzione del tasso di interesse o di rassegnarsi alla restituzione del capitale prestato allo Stato).

Forma efficace di interventismo fu anche l’assistenza a favore di industrie particolarmente depresse, sia con finanziamenti agevolati sia con interventi rivolti a migliorarne l'organizzazione interna. Dovunque furono incoraggiate le industrie di esportazione, ma in taluni paesi (si veda il caso dell’Italia) l’intervento dello Stato raggiunse forme anche più dirette. In Italia, dopo la costituzione, nel 1931, dell'I.M.I. vi fu, nel gennaio 1933, quella dell'I.R.I. Con l'I.M.I. e soprattutto con l'I.R.I. si mirò, ad un tempo, da un lato allo smobilizzo finanziario e dall’altro alla riorganizzazione gestionale e produttiva del sistema industriale.

Inoltre si realizzarono in molti paesi politiche di controllo valutario, concretatesi in accordi commerciali bilaterali e in forme di clearings (forme di regolamento dei rapporti di scambio tra paesi fondate sulla compensazione delle reciproche posizioni creditorie e debitorie).

Queste politiche d’intervento non furono contemporanee in tutti i Paesi, e non dettero risultati positivi ovunque nello stesso periodo. Ritardi ed errori tecnici e politici si verificarono un po’ dappertutto. I paesi del blocco aureo, ad esempio, adottarono politiche inflazionistiche con ritardo rispetto alla Gran Bretagna e agli Stati Uniti. Il Belgio vi aderì solo dopo una serie di rovesci bancari, conseguenti alla difficile situazione industriale. La Francia vi giunse solo nel 1936, quando, sull’onda del malcontento popolare per la crescente disoccupazione, salì al potere Léon Blum alla guida del così detto Fronte popolare. Ma i risultati che l’esperimento sortì, per le eccessive misure demagogiche adottate, furono assai inferiori all’attesa. La Francia non aveva le possibilità di recupero degli Stati Uniti, perché le sue risorse economiche erano minori. E questa realtà pesò sul destino del Fronte popolare, condannandolo al fallimento, e identificandolo con la finanza allegra e infeconda. L’Italia fece ricorso alle misure inflazionistiche solo nel corso del 1935-36, dopo i salassi valutari subiti durante la guerra d’Etiopia.

Ancora: in alcuni paesi, la ripresa industriale fu ottenuta a costo di gravi sacrifici per le popolazioni, con danno del progresso tecnologico industriale, grazie all’adozione di sistemi autarchici. Il che accrebbe l’isolamento di tali paesi e il frazionamento del mondo economico, fenomeno che non fu senza responsabilità nel processo che portò al secondo conflitto mondiale.

Complesse e varie furono, comunque, le strategie seguite dai vari paesi per superare la depressione, e, riducendo o eliminando la disoccupazione, assicurare speranze e benessere agli uomini. Le politiche adottate non furono, però, esenti da critiche e da riflessi negativi. Se il risultato fu la ripresa e la notevole contrazione della disoccupazione, deve anche dirsi che esse non rappresentarono la formula ansiosamente ricercata per assicurare occupazione e benessere permanente. Nel pieno della ripresa, si guardò ancora una volta alla guerra come allo strumento migliore e più efficace per il progresso civile dei popoli. E la guerra, purtroppo, venne!

8. L'interpretazione keynesiana Torna all'inizio

Che cosa aveva ridotto così drasticamente la produzione di beni e di servizi? Le risorse naturali degli USA erano ancora abbondanti. Il paese possedeva un eguale numero di fabbriche, di attrezzature e di macchine. Il popolo possedeva le stesse capacità lavorative e voleva dispiegarle nel lavoro. E tuttavia milioni di lavoratori, con le loro famiglie, mendicavano, prendevano a prestito, rubavano, facevano la fila per ottenere magre porzioni della carità pubblica, mentre migliaia di fabbriche rimanevano inattive o lavoravano ben al di sotto della propria capacità.

La spiegazione sta nelle istituzioni del sistema capitalistico dell’economia di mercato. Le fabbriche avrebbero potuto essere aperte e gli uomini mantenuti al lavoro, ma non lo furono perché questo non avrebbe prodotto profitto. E, in un’economia capitalistica, le decisioni di produzione sono basate principalmente sul criterio del profitto e non sulle necessità della gente.

Il sistema economico capitalista parve essere sull’orlo di un completo collasso. Erano indispensabili provvedimenti drastici, ma prima di poter salvare il sistema era necessario comprendere meglio la malattia di questa depressione economica.

E questo compito fu assolto da uno fra i più brillanti economisti del secolo: John Maynard Keynes (1883-1946). Nel suo libro La teoria generale dell’occupazione, interesse e moneta, Keynes cercò di far capire che cosa era successo al capitalismo, al fine di permetterne la conservazione.

La depressione nasce dal fatto che una riduzione nel volume degli investimenti che possono accadere ciclicamente o accidentalmente in un’economia, quale ne sia il motivo, si riflette in una riduzione della produzione dei beni strumentali nei quali detti investimenti si concretizzano. Da qui una riduzione nell’occupazione e nei consumi dei gruppi di percettori di reddito interessati in tale produzione. In conseguenza, peggiorano le prospettive di guadagno di altri gruppi di imprenditori e con esse diminuisce ulteriormente l’incentivo ad investire.

Cadono così ulteriormente i consumi, attraverso una serie di reazione a catena per effetto delle quali la situazione, in fatto di occupazione, produzione, prezzi e profitti, tende a peggiorare per così dire da se stessa. In particolare, gli imprenditori non hanno convenienza ad utilizzare in nuovi investimenti il risparmio monetario accumulato dai percettori di reddito.

Il nodo della crisi risiede proprio in questa discordanza tra le decisioni dei percettori di reddito, che ritengono conveniente non consumare, ma che non investono direttamente il danaro risparmiato, e le decisioni degli imprenditori, che non ritengono conveniente utilizzare tale denaro per aumentare i loro investimenti e, quindi, la domanda di beni strumentali.

Si pensa quindi che lo Stato debba cercare di arrestare il processo, per così dire, di perdita di velocità, da cui è investito il sistema economico per effetto del circolo vizioso: riduzione di investimenti - riduzione di consumi - di nuovo riduzione degli investimenti e via di seguito.

Ciò può ottenersi essenzialmente attraverso una qualificata spesa pubblica addizionale, che, se effettuata tempestivamente e in misura adeguata, può invertire la tendenza e ricondurre il sistema verso posizioni di pieno impiego, pur mantenendo una situazione di prezzi stabili. Dopo di che l’intervento statale ha termine, salvo prodursi con altre modalità nella situazione opposta in cui un processo di espansione dia luogo a una domanda di fattori produttivi che ecceda quella che può essere soddisfatta ai prezzi correnti.

In conclusione il Keynes sostiene che l’intervento dello Stato deve essere limitato nel tempo e basato su un programma di spesa pubblica mirante ad utilizzare i fattori inoperosi (politica anti-deflazionistica) oppure deve essere finalizzato a contenere la domanda nei limiti dei fattori disponibili (politica anti-inflazionistica).

(Cfr. mappa concettuale: La crisi del 1929 )

 

 

Grande depressione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

 
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la crisi economica di fine Ottocento, vedi Grande depressione (1873-1895).
  « Le banche avevano ritirato improvvisamente dal mercato diciottomila milioni di dollari, cancellando le aperture di credito e chiedendone la restituzione »
 
( Emile Moreau, Governatore della Banca di Francia, 8 febbraio del 1928)
Grafico della crisi di Wall Street del 1929 sul Dow Jones Industrial Average

La grande depressione, detta anche crisi del 1929, grande crisi o crollo di Wall Street, fu una drammatica crisi economica che sconvolse l'economia mondiale alla fine degli anni venti, con gravi ripercussioni durante i primi anni del decennio successivo. La depressione ebbe alla propria origine contraddizioni simili a quelle che avevano portato alla crisi economica del 1873-1895. L'inizio della grande depressione è associato con la crisi del New York Stock Exchange (borsa di Wall Street) avvenuta il 24 ottobre del 1929 (giovedì nero), a cui fece seguito il definitivo crollo della borsa valori del 29 ottobre (martedì nero).

La depressione ebbe effetti devastanti sia nei paesi industrializzati, sia in quelli esportatori di materie prime. Il commercio internazionale diminuì considerevolmente, così come i redditi delle persone fisiche, il gettito fiscale, i prezzi e i profitti. Le maggiori città di tutto il mondo furono duramente colpite, in special modo quelle che basavano la loro economia sull'industria pesante. Il settore edilizio subì un brusco arresto in molti paesi. Le aree agricole e rurali soffrirono considerevolmente in conseguenza di un crollo dei prezzi fra il 40 e il 60%. Le zone minerarie e forestali furono tra le più colpite, a causa della forte diminuzione della domanda e delle ridotte alternative d'impiego.

Indice

[nascondi]

La crisi negli USA [modifica]

L'economista John Kenneth Galbraith ha individuato almeno cinque fattori di debolezza nell'economia americana responsabili della crisi:

  • cattiva distribuzione del reddito;
  • cattiva struttura, o cattiva gestione delle aziende industriali e finanziarie;
  • cattiva struttura del sistema bancario;
  • eccesso di prestiti a carattere speculativo;
  • errata scienza economica (perseguimento ossessivo del pareggio di bilancio e quindi assenza di intervento statale considerato un fattore penalizzante per l'economia).

Dopo la Grande Guerra gli Stati Uniti conobbero un periodo di prosperità e progresso trainata soprattutto dal settore automobilistico (che a sua volta ha trascinato con sé altri settori come quello metallurgico, gomma, settore petrolifero, trasporti e edile). Sembrava essersi innescato un circolo virtuoso: l'alta produttività permetteva di mantenere inalterati i salari e i prezzi dei prodotti sul mercato. Questo favoriva quindi gli investimenti che permettevano a loro volta di aumentare la produttività. Tuttavia agli investimenti ed al continuo aumento della produttività, non corrispose una proporzionata crescita del potere d'acquisto. Nei primi anni dopo il primo conflitto mondiale, lo sviluppo era stato infatti sostenuto dai risparmi accumulati negli anni della guerra e dai bassi tassi d'interesse.

Una seconda contraddizione interna all'economia americana era rappresentata dal sistema finanziario. Non furono posti limiti alle attività speculative delle banche e della borsa, dovute alla volontà da parte degli acquirenti di detenere titoli, non tanto per ottenere dividendi e dunque profitti, quanto per aumentare il proprio capitale. Si comperava per rivendere, senza preoccuparsi della qualità dei titoli: all'aumento della domanda dei titoli si accompagnò quella delle quotazioni. A tutto questo va aggiunta la responsabilità degli uomini d'affari, rappresentanti di holding che detenevano portafogli d'azioni che avevano interesse affinché i corsi dei titoli si alzassero. Questi uomini effettuavano dichiarazioni ottimistiche e spingevano i risparmiatori all'acquisto di titoli. L'aumento del valore delle azioni industriali, però, non corrispondeva ad un effettivo aumento della produzione e della vendita di beni tanto che, dopo essere cresciuto artificiosamente per via della speculazione economica diffusasi a tutti i livelli in quegli anni, scese rapidamente e costrinse i possessori a una massiccia vendita, che provocò il crollo della borsa.

La caduta della borsa colpì soprattutto quel ceto di media borghesia che nel corso degli anni venti aveva sostenuto la domanda di beni di consumo durevole e soprattutto aveva investito i proprio risparmi in borsa. La loro uscita dal mercato indeboliva, quindi, proprio le industrie produttrici di beni di consumo durevole (come quello dell'auto). Queste industrie cessarono di commissionare materiali a quelle operanti negli stessi settori, le quali dovettero ridurre il personale e ridurre i salari, provocando una contrazione anche nei settori dei beni di consumo (come quello agricolo).

La situazione era poi aggravata dalla stretta interconnessione che legava il settore industriale a quello bancario. Infatti nel momento in cui la borsa crollò, si diffuse un'ondata di panico devastante tra i piccoli risparmiatori i quali si precipitarono nelle banche nel tentativo di salvare il proprio denaro. Il ritiro del denaro dal mercato provocò una crisi di liquidità di ampie dimensioni e il fallimento di molte banche che trascinarono nella crisi le industrie nelle quali avevano investito. Molte di queste furono costrette a chiudere i battenti o a ridimensionarsi. I licenziamenti, operati dalle aziende in crisi, portarono ad una elevata diminuzione delle domande di lavoro, bloccando quasi completamente l'economia americana. La produzione industriale scese di quasi il 50% tra il 1929 e il 1932.

Il sistema economico globale [modifica]

Ma la causa principale della crisi economica sta nella chiusura delle economie nazionali e coloniali. Così come nella grande depressione del 1873-95, le colpe principali vanno addebitate ai dazi doganali. Alcuni stati producevano beni in surplus che però importatori di altri stati non potevano acquistare a causa dei dazi. I dazi erano imposti dai produttori interni per non vedere diminuito il valore dei propri prodotti. Quindi quando in un paese produttore un dato bene raggiunge livelli di saturazione il suo prezzo scende sotto un livello che non è più conveniente per il produttore produrre e trasportare, se non trovando nuovi mercati dove continuare a vendere a prezzi appetibili. In assenza di tali nuovi mercati la produzione pur mantenendo un potenziale valore, si ferma. Per fare un esempio riguardo la crisi degli anni 1873-95 il grano è il bene ideale: negli Stati Uniti vi era una sovrapproduzione di grano dovuta all'ampiezza degli spazi coltivati estensivamente ed alla bassa densità di popolazione. I progressi nei trasporti consentivano sempre più i trasporti a lunghe distanze cosicché gli USA divennero esportatori di grano in Europa. L'Europa di bocche da sfamare ne aveva e quindi acquistava il grano americano a prezzo più basso rispetto alla produzione locale. Questo danneggiava i proprietari terrieri europei, i quali imposero ai governi i dazi per bloccare le importazioni dall'America. Questo aveva le seguenti conseguenze:

  • Carenza di grano in Europa e quindi prezzi più alti
  • Eccedenza di grano in USA con conseguente abbandono di terre coltivate e disoccupazione
  • Mancato afflusso di beni dall'Europa all'America (coi quali veniva pagato il grano); tali beni potevano essere prodotti industriali o minerari o beni di lusso.

In definitiva:

  • Al popolo europeo veniva a mancare il nutrimento a basso prezzo
  • Ai grandi coltivatori americani venivano a mancare quei beni "superflui" ma che erano l'incentivo alla produttività agricola
  • I coltivatori americani più piccoli e i dipendenti restano senza lavoro
  • I beni "superflui" che restavano in Europa andavano alle classi agiate (anche agricole) locali, che li potevano acquistare a prezzo più basso rispetto al prezzo che avrebbero pagato gli americani
  • I produttori europei di questi beni superflui vedevano quindi anch'essi ridotte le loro entrate oppure fallivano o rischiavano il licenziamento se dipendenti

Come si vede questo circolo vizioso nuoce a tutti fuorché ad una ristretta minoranza. Ma in una visione più ampia nuoce anche ad essa nella crisi economica generale. Questo stesso circolo vizioso che causò la crisi del 1873-95 è la causa principale pure di quella del 1929, ma con modalità differenti.

La crisi del 1873-95 aveva trovato sbocco con il colonialismo, grazie al quale si erano aperti nuovi mercati nei quali si poteva dirigere il commercio, ogni nazione nelle sue colonie le quali erano precluse al commercio con altre nazioni sempre tramite i dazi. Così quella che fu la soluzione alla crisi del 1873-95 divenne la causa di quella del 1929. Questo perché ad un certo punto anche i mercati coloniali arrivarono ad un punto di saturazione (ed in questo contesto come mercati coloniali dobbiamo riconoscere come tale anche il Sudamerica nei confronti degli Stati Uniti), quindi in assenza di una impossibile diversificazione di produzioni quello che, ad esempio, l'Inghilterra vendeva all'India non poteva venderlo al Marocco. E nemmeno acquistare. Viceversa la Francia poteva commerciare con il Marocco ma non con l'India. Ma i prodotti di Marocco e India non sono gli stessi.

Quindi a causa di questo blocco del commercio si ritornò alla situazione del 1873-95, nella quale si produceva ma non si vendeva e se si vendeva si doveva vendere a prezzi tanto bassi da dover abbandonare la produzione; mentre i prodotti da comprare avevano prezzi talmente alti da non poterseli permettere. A causa dei dazi doganali, un plusvalore fittizio era apposto alle merci con l'unico scopo di combattere una guerra commerciale tra nazioni. Guerra che da commerciale era divenuta militare negli anni 1914-18 e il cui risultato aveva ridato "ossigeno" all'economia globale per qualche anno in più, fino al 1929 appunto. Senza la prima guerra mondiale la crisi del 1929 ci sarebbe stata molto prima. Se qualche anno prima si era posto rimedio all'imminente crisi con la guerra, nel 1929 una tale soluzione non si vedeva praticabile, per i più svariati motivi. Ma una volta iniziata la crisi la soluzione venne spasmodicamente ricercata, fino a raggiungerla, nella seconda guerra mondiale, che aprì i mercati coloniali a tutte le nazioni in vista della futura e auspicata indipendenza delle colonie.

Soluzioni intermedie furono poste in essere durante gli anni trenta, gli USA diedero l'esempio concedendo l'indipendenza o l'autonomia alle loro colonie (vari staterelli centroamericani e caraibici), l'Inghilterra fece lo stesso col Trattato di Westminster, ma furono tutte soluzioni effimere.

La versione "austriaca" [modifica]

La Scuola austriaca ha elaborato una teoria in merito alle cause della Grande Depressione che si discosta nettamente dalla visione comune, e che sta prendendo sempre più piede nel mondo economico.

L'economista appartenente a tale scuola che più di tutti ha trattato questo argomento è stato Murray N. Rothbard, che, nella pubblicazione La Grande Depressione datata 1963, ha esposto la sua teoria.

Secondo l'economista statunitense la crisi del '29 fu causata non dall'eccessivo libero mercato come da molti economisti sostenuto, bensì dall'eccessivo interventismo statale nell'economia a partire dagli anni dieci con il presidente Woodrow Wilson.

La causa principale secondo Rothbard sarebbe stata la politica monetaria tenuta dalla Federal Reserve a partire dalla sua creazione, proprio nel 1913. La continua espansione del credito ottenuta attraverso tassi tenuti artificialmente bassi e il successivo inevitabile rialzo dei tassi avrebbe causato una reazione a catena che ha portato poi al famoso giovedì nero.

In sintesi possiamo dire che secondo la Scuola austriaca le cause della crisi del '29 furono la politica inflazionistica (permessa anche dall'abbandono del sistema aureo classico) della Federal Reserve iniziata negli anni dieci (ossia all'inizio della Prima guerra mondiale) combinata con un eccessivo peso dello Stato culminato poi nel New Deal roosveltiano, che secondo gli austriaci non fu altro che la continuazione dell'interventismo del suo predecessore, Herbert Hoover.[1]

Le cause della recessione internazionale [modifica]

Una prima causa di fragilità del sistema economico internazionale è insita nell'eredità dei debiti di guerra. Alla fine del conflitto infatti Gran Bretagna, Francia e Italia si erano ritrovate debitrici con gli Stati Uniti di somme ingenti, che costringevano tutte e tre ad una politica di esportazioni molto aggressiva per procurarsi la valuta necessaria per pagare i debiti. Si era quindi fatta strada l'idea di adottare lo stesso espediente dell'indomani della guerra austro-prussiana, quando le riparazioni di guerra imposte alla Francia avevano permesso non solo di coprire il costo della guerra ma anche di consentire la ripresa economica. Perciò fu deciso di addebitare i costi bellici alla Germania.

L'industria tedesca, pur avendo grosse potenzialità, era uscita dalla guerra stremata. Da allora gli stessi paesi vincitori, soprattutto gli Stati Uniti, si erano resi conto della necessità di sostenere l'economia tedesca con ingenti finanziamenti. Questi finanziamenti avevano creato un curioso triangolo in cui la Germania usava gran parte di queste risorse per pagare i debiti a Gran Bretagna e Francia, e queste a loro volta usavano i capitali per pagare i propri debiti. Dunque questo sistema sarebbe sopravvissuto fin quando gli U.S.A. fossero stati in grado di esportare capitali in Germania.

Un secondo elemento di fragilità del sistema economico internazionale era costituito dall'assenza di un Paese guida credibile, in grado di assumersi delle responsabilità in caso di emergenza. Dopo la guerra il primato sarebbe dovuto passare in mano agli Stati Uniti, che però non avevano ancora raggiunto a livello internazionale lo status di prima potenza mondiale (ancora detenuto dalla Gran Bretagna) nonostante il suo apparato produttivo fosse di gran lunga superiore a quello degli altri paesi industrializzati. L'assenza di una guida economico-finanziaria si rifletteva in modo drammatico sul sistema internazionale. Nella conferenza di Genova del 1922 venne definito una sistema misto, noto come gold exchange standard, che da una parte garantiva respiro all'economia britannica, dall'altro affidava alla sua finanza un ruolo di regolatore dell'economia internazionale che non era in grado di assumere.

La crisi fuori dagli USA [modifica]

La crisi si propagò rapidamente a tutti i paesi che avevano stretti rapporti finanziari con gli Stati Uniti, a partire da quelli europei che avevano richiesto l'aiuto economico degli americani dopo la Prima guerra mondiale: Gran Bretagna, Austria e Germania, dove il ritiro dei prestiti americani fece saltare il complesso e delicato sistema delle riparazioni di guerra, trascinando nella crisi anche Francia e Italia. In tutti questi paesi si assistette ad un drastico calo della produzione seguito da diminuzione dei prezzi, crolli in borsa, fallimenti e chiusura di industrie e banche, aumento di disoccupati (12 milioni negli USA, 6 in Germania, 3 in Gran Bretagna). Va notato che la crisi non colpì l'economia dell'URSS, la quale in quegli anni aveva inaugurato il suo primo Piano quinquennale con l'obiettivo di creare una base industriale moderna.

Nel 1931 la Gran Bretagna abbandonò il gold standard, imitata subito dai paesi scandinavi. Nel 1934 sterlina e dollaro vennero fortemente svalutati.

Conseguenze politiche ed economiche [modifica]

Il fallimento dei tentativi iniziali di trovare soluzioni comuni sul piano internazionale alla crisi spinse da una parte tutti i paesi a introdurre misure protezionistiche e a creare "aree economiche chiuse" (maggiore esempio fu il sistema di "tariffe preferenziali" fra gli Stati Uniti del Commonwealth britannico deciso nel 1931); dall'altra i governi furono indotti a sperimentare su vastissima scala forme di partecipazione diretta dello Stato alla vita economica nazionale.

Gli Stati svolsero così funzioni imprenditoriali (ricorrendo alla spesa pubblica come elemento strutturale e centrale della dinamica economica nazionale) e previdenziali (con l'attivazione di misure legislative di sicurezza sociale), come avvenne, per esempio negli USA col New Deal (dove si cercò di mettere in pratica politiche keynesiane) e in Italia con la fondazione dell'IRI.

In Germania la crisi, provocando milioni di disoccupati, fornì la base di consenso per portare il nazismo al potere (1933). Nel complesso, nonostante un accenno di ripresa a partire dal 1933, la crisi non fu completamente superata fino allo scoppio della Seconda guerra mondiale.

Indice della produzione industriale dopo la crisi del 1929 [modifica]

La seguente tabella riporta gli indici della produzione industriale negli anni immediatamente seguenti la crisi del 1929 ponendo come riferimento a 100 il valore nel 1929.

Stato 1930 1931 1932 1933 1934 1935
Stati Uniti 83 69 55 63 69 79
Gran Bretagna 94 86 89 95 105 114
Francia   99 85 74 83 79
Germania 86 72 59 68 83 96
Austria   91 78 66 68 75
Italia   93 84 77 83 85
Svezia   102 97 89 93 111
Cecoslovacchia   91 64 60 67 70
Ungheria   87 82 88 99 107
Romania     105 82 101 126
Bulgaria   104 107 103 98 103
U.R.S.S.     183      

Note [modifica]

  1. ^ A History of Money and Banking in the United States: The Colonial Era to World War II di Murray N. Rothbard.

Voci correlate [modifica]

Altri progetti [modifica]

 

 

http://www.centrorsi.it/notizie/images/stories/crisi_del_1929-hitler.pdf

 

IL CONTRASTO TRA IL 1929-30 ED IL 1999-2000

di Kurt Richebächer

LA PEGGIORE DELLA STORIA

La contrazione economica iniziata nel 1929 è stata la peggiore della storia, tuttavia, nonostante le dimensioni e l'importanza di un evento di questo genere, bisogna sottolineare quanto siano generalmente limitate le conoscenze del suo decorso e delle cause che l'hanno provocata e con ogni probabilità, ciò è dovuto prevalentemente alla convinzione dominante secondo cui le banche centrali ed i governi odierni, oltre a possedere maggiore buon senso, utilizzano strumenti migliori per mantenere ogni cosa sotto controllo. Perchè mai preoccuparsi delle follie che di tanto in tanto avvengono nella storia umana? Per spiegare l'eccezionale gravità della Grande Depressione degli anni 20 vi sono due ipotesi diametralmente opposte; la prima, strettamente legata agli economisti più eminenti della scuola austriaca (Mises, Hayek), considera la Depressione come il prodotto inevitabile e disastroso delle  conseguenze insostenibili e devastanti sull'economia e sul sistema finanziario provocate dagli eccessi finanziari e monetari che si sono verificati tra il 1927-29. Secondo questo punto di vista la gravità di ogni depressione è largamente predeterminata dalle dimensioni delle conseguenze negative che si sono accumulate durante il boom che la precede. Tale punto di vista, era dominante tra gli economisti di tutti i paesi fin dagli inizi degli anni 60, ma un libro, apparso nel 1963, cambiò radicalmente questa opinione, per lo meno tra gli economisti americani; si trattava della ormai classica "Monetary History of the United States" di Milton Friedman ed Anna Schwartz, nella quale veniva affermato categoricamente che negli anni 20 né l' inflazione e nemmeno eccessi di moneta o di credito potevano aver causato il collasso economico avvenuto tra il 1929 ed il 1933, ma, partendo da tale tesi, per questi autori la causa principale della Grande Depressione è da ricercare negli errori politici fatti durante quegli anni. Riportiamo un passaggio decisivo di questo libro:

"Il collasso monetario dal 1929 al 1933 non fu la conseguenza inevitabile di ciò che era avvenuto precedentemente, ma il risultato delle politiche seguite durante quel periodo. Come è stato già sottolineato, in quegli anni potevano essere adottate politiche alternative che avrebbero potuto rallentare la debàcle monetaria. Sebbene il Reserve System  proclamava di seguire una politica di moneta a buon mercato in realtà adottava una politica di stretta eccessiva.

Queste opinioni circa il ruolo della politica monetaria nel provocare la depressione si sono poi ampiamente diffuse tra la massa degli economisti americani sino a costituire la spiegazione 'ufficiale' della Grande Depressione. Una conclusione importante per il futuro, inerente a tale approccio monetarista, consisteva nel messaggio confortante secondo il quale tutto ciò che serve per prevenire le gravi depressioni che seguono il boom è una sufficiente disponibilità di  moneta. Sicuramente questa è una asserzione di fondamentale importanza poichè sta alla base delle opinioni ottimistiche sull'economia americana che prevalgono attualmente. Considerando che l'economia era ancora in fase di boom nonchè il regnante ottimismo circa le sue prospettive, bisogna riconoscere che nei mesi di Ottobre e Novembre del 1929 la Federal Reserve reagì con prontezza ammirevole di fronte al crollo borsistico. Il 25 Ottobre, il giorno dopo il Venerdì Nero, ridusse immediatamente il tasso di sconto praticato dalle banche sugli anticipi dati sulle entrate future di attività industriali e commerciali dal 5 e 3/8 al 5 %. Il 1 Novembre, quando il panico delle vendite durava da appena una settimana, la Fed ridusse drasticamente il tasso di sconto al 5% e due settimane dopo al 4,5%. Movimenti seguiti da una sequenza di tagli ulteriori  fino al 4% del 21 Novembre. Tuttavia l'economia crollò incredibilmente in modo generalizzato e con una rapidità mai vista, come una castello di carte.

 

LA FUNZIONE DEL CROLLO

Abbiamo sempre sostenuto la spiegazione della Grande Depressione avanzata dalla teoria austriaca e tra le varie considerazioni che depongono a suo favore, quella che ci appare determinante è la immediatezza e le dimensioni straordinarie del crollo economico. Consideriamo infatti che nel 1930 il PIL cadde improvvisamente del 9%, un tipo di collasso che può avvenire solamente in una economia pesantemente squilibrata e quindi altamente vulnerabile. La notevole contrazione della massa monetaria pari al 42%, cui Milton Friedman attribuisce la Depressione solo a partire dagli inizi del 1930, ha luogo solo a partire dalla seconda parte del 1930, dunque non ha preceduto ma ha coinciso con il crollo economico che è stato preceduto unicamente dalla fase iniziale del crollo della Borsa. Finora la controversia più importante tra gli economisti americani ha riguardato proprio il ruolo del crollo della Borsa nel provocare il disastro dell'economia e della finanza.  E' stato stimato che il crollo borsistico abbia determinato una distruzione di ricchezza pari a circa 85 miliardi di dollari. Nella prima ondata del crollo, tra la fine di Ottobre ed i primi di Novembre del 29, le perdite di capitale ammontarono a circa 25 miliardi di dollari, a fronte di una contrazione dello stock di moneta in senso lato di 13 miliardi di dollari tra gli inizi del 1930 e la fine del 1933. Ma per Milton Friedman la contrazione nell'offerta di moneta fu il solo e decisivo meccanismo che spinse l'economia in una profonda e protratta depressione e tale contrazione monetaria, secondo il suo punto di vista, non ha altra causa se non quella conseguente alle politiche errate applicate dalla Fed. Lungi da noi voler mettere in discussione l'importanza decisiva che ha avuto la drastica contrazione monetaria che è seguita in quegli anni, ma è evidente che sfida ogni logica disattendere la rapida ed enorme distruzione di ricchezza avvenuta precedentemente in Borsa per considerala quasi come un fenomeno praticamente irrilevante. Nel meccanismo previsto dalla teoria austriaca l'espansione del mercato azionario ha agito prolungando il boom grazie ad un ondata di ricchezza gonfiata rispetto ai consumi, allorchè i prezzi delle azioni crollarono, questo elemento artificiale dei consumi è evaporato con effetti immediati e pesantemente negativi sulla crescita economica del 1930. In realtà l'unica vittima di un crollo di questo genere non è stata solo la ricchezza individuale ma anche la liquidità generale. E' un grosso errore valutare la liquidità  solo dai mutamenti dello stock di moneta, molto più importante è la liquidità degli asset, presenti sui mercati soprattutto degli asset finanziari. In periodi di disponibilità di moneta, tassi di interesse bassi e mercati in espansione, le corporations, le istituzioni finanziarie ed i consumatori tendono a ridurre i loro saldi attivi a favore degli asset finanziari, che vengono considerati, in condizioni di mercato in rialzo, come asset altamente liquidi. Finchè l'offerta di moneta cresceva, il vasto stock di azioni detenute rappresentava realmente per i suoi possessori, degli asset altamente liquidi, ma il crollo dei prezzi azionari ha improvvisamente trasformato questo enorme stock azionario in una massa di asset privi di liquidità che potevano essere liquidati solamente con pesanti perdite. Considerando l'ammontare di ricchezza e di liquidità andate distrutte, non abbiamo il benchè minimo dubbio che il crollo del mercato azionario sia stato il fenomeno più importante e la causa immediata della depressione che ne è seguita, la cui dinamica sarebbe stata sicuramente diversa da quanto accaduto se non si fosse verificata la catastrofe della Borsa. Ma tutto ciò implica, invece, che la Grande Depressione ha principalmente avuto origine dagli eccessi del boom precedente.

 

DISPUTE SULLA CAUSA

Tenendo presente quest'ultima asserzione, abbiamo fatto un confronto tra gli eventi e gli eccessi tra la fine degli anni 20 e l'inizio degli anni 90. Come si possono confrontare la natura e le dimensioni degli eccessi monetari e del credito nei due periodi? Prima di esaminare le differenze più marcate, osserviamo innanzitutto un importante fattore comune: in entrambe i periodi la creazione di credito si è verificata prevalentemente al di fuori del sistema bancario, attraverso il mercato dei titoli ed il mercato monetario. Un'altra cosa in comune è la completa assenza di ricorso al credito da parte del Governo Federale. Tutti i debiti e le concessioni di credito che si verificarono furono a carico del settore privato, ossia delle imprese e dei consumatori. Dobbiamo sottolineare inoltre, che il credito è il fattore meno considerato nei libri di storia americana degli anni 20 infatti nel loro voluminoso "Monetary History of the Unites States", Friedman e Schwartz non riportano nemmeno un grafico sull’aumento del credito, mentre vi si trovano pagine e pagine di grafici dettagliati sulla crescita della massa monetaria addirittura mese per mese. Gli autori non menzionano nemmeno i debiti spaventosi contratti dai brokers per speculare in borsa, che, nel settembre 1929, hanno raggiunto la punta massima di 8,5 miliardi di dollari. L'indebitamento al consumo sottoforma di prestiti rateali giocò un ruolo determinante nel favorire la crescita dei consumi negli anni 20, ma non esitono statistiche relative alle loro dimensioni ed alle fonti del loro finanziamento. Come è stato spiegato in precedenti articoli, una misura critica dell' "eccesso" di credito è la crescita del credito rapportata alla crescita simultanea del PIL nominale come denominatore statistico della crescita dell'attività economica. Durante i quattro anni che vanno dalla fine del 1925 alla fine del 1929, il PIL degli Stati Uniti aumentò di 13,9 miliardi di dollari o del 15,3% (da 90,5 miliardi a 104,4 miliardi di dollari). In questo stesso periodo le corporations emisero titoli per 27,4 miliardi di dollari dei quali più di 10 miliardi erano capitale netto. Durante quegli anni il totale dei prestiti bancari aumentò di circa 8 miliardi di dollari per la maggior parte grazie ad ipoteche sui crediti. Inoltre buona parte del credito fu garantito da istituzioni che erano al di fuori del sistema bancario, principalmente casse di risparmio ed associazioni di credito edilizio. Purtroppo non sono disponibili dati statistici poichè è di antica tradizione l'abitudine degli economisti americani di considerare esclusivamente la massa monetaria e di ignorare il credito. Finora, nonostante la mancanza di statistiche esaurienti, i dati disponibili non lasciano alcun dubbio sul fatto che vi fu una dilagante creazione di credito. Questo aspetto è molto importante poichè, in netto contrasto, l'offerta di moneta aumentò in maniera piuttosto modesta, infatti tra il 1925 ed il 1929, questa crebbe non più del 10% passando da 50 miliardi a 55,5 miliardi di dollari. I depositi bancari alla fine del 1929, pari a 22 miliardi di dollari, erano ai livelli della fine del 1925. Ma, come già detto, tale difficoltà nella crescita della massa monetaria non è stata assolutamente causata  da una mancata espansione del credito ma piuttosto dal fatto che la creazione di credito avvenne prevalentemente attraverso il mercato dei titoli ed il mercato monetario, non comportando sostanzialmente creazione di moneta. I prezzi dei titoli, aumentarono più di tre volte ed il valore totale di tutte le azioni del listino nella Borsa di New York  passò dal livello di 27 miliardi di dollari del 1925 fino al picco di 89 miliardi di dollari raggiunto agli inizi del settembre 1929.

 

LE BANCHE INONDANO I MERCATI

Tutto ciò porta ad una delle differenze più importanti e fondamentali tra il boom degli anni 20 e quello degli anni 90 che riguarda la strategia finanziaria delle corporations. Durante gli anni 20 esse avevano tratto vantaggi straordinari dalla notevole disponibilità di capitale a buon mercato e da una vasta emissione di obbligazioni e di azioni in notevole eccesso rispetto alle loro necessità di investimento. Nel 1929 circa il 70% dell'intero ammontare dei titoli emessi dalle imprese era costituito da azioni. Riferendoci a Shumpeter su quest'aspetto: le corporations americane "alla fine arrivarono alla Grande Depressione con una dotazione finanziaria a dir poco di lusso." Molte di esse potevano finanziare i loro investimenti per gli anni a venire con i fondi che avevano accumulato  durante la mania speculativa del 1928-29. Cosa fecero le corporations con i loro eccessi di liquidità? Li piazzarono senza esitare nel mercato azionario, ma attraverso un canale diverso. Invece di comprare azioni per ricavane degli utili, usarono questi fondi in larga parte per effettuare dei prestiti al 10%, specialmente ai broker, i quali, con questi fondi finanziavano i prestiti, saliti alle stelle, per la speculazione in Borsa dei loro clienti. Possiamo osservare che nei 12  mesi  che precedono il crollo, i prestiti degli intermediari aumentarono del 50%. Tuttavia questo eccesso di liquidità delle corporations, accumulata  grazie alla eccezionale emissione di titoli, ebbe ulteriori conseguenze monetarie. Per quel che riguarda le banche comportò la perdita dei loro principali mutuatari, infatti con la completa cessazione dei prestiti alle corporations, le banche furono costrette a cercare una fonte alternativa per le loro entrate. Prima di tutto si imbarcarono verso due nuovi obiettivi: investimenti in obbligazioni societarie, e quindi in azioni attraverso le affiliate, e prestiti su titoli, cioè prestiti ad acquirenti di azioni e di obbligazioni contro azioni ed obbligazioni come collaterale. In ultima analisi fu il sistema bancario che spinse il mercato azionario e quello delle obbligazioni verso il boom, in parte attraverso acquisti per proprio conto ed in parte attraverso prestiti ad altri acquirenti di azioni e di obbligazioni. Su questa dinamica possiamo citare un rapporto della Lega delle Nazioni di quel periodo: "Negli Stati Uniti l'espansione del credito dopo il 1927 si diresse prevalentemente verso il finanziamento della speculazione, secondo le statistiche disponibili non meno dell'86% dell'aumento del credito bancario è stato destinato a tale proposito e ciò fu alla base del boom della Borsa che ne è seguito".

 

ECCESSI POSTI A CONFRONTO

Per quanto riguarda la situazione attuale, riferendoci sempre alla teoria austriaca secondo la quale ogni depressione economica o finanziaria dipende in gran parte dai livelli di eccesso del boom precedente, i fattori da analizzare sono di per se chiari: primo, la valutazione delle azioni; secondo, l'espansione della moneta e del credito; terzo: i fondamentali dell' economia. Per quanto riguarda la valutazione delle azioni, il crollo del mercato azionario iniziò agli inizi di settembre del 1929 con il rapporto prezzi guadagni da un livello di 13,5 ad 1, dopo un picco di 16,2 crollato ad 1 nel gennaio dello stesso anno. Se lo confrontiamo con il tradizionale rapporto di 10 a 1, questi livelli di prezzo apparivano in quel periodo eccezionalmente elevati. Confrontati con i rapporti Prezzi/Guadagni di oggi, circa 25 a 1 per l'indice S&P 500, e circa 35 a 1 per l'indice S&P Industrial e più di 200 a 1 per l'indice Nasdaq, i valori degli anni 20 appaiono piuttosto insignificanti. Consideriamo un'altro dato:  prima del crollo del 1929, la totale capitalizzazione dei titoli quotati in Borsa corrispondeva a circa il 100% del PIL, attualmente ha superato 200%. In breve le attuali valutazioni dei titoli sono decisamente superiori a quelle degli anni 20. Inoltre, come è possibile effettuare un confronto tra i due periodi prendendo in considerazione l'espansione monetaria e creditizia? Come abbiamo detto precedentemente, nei quattro anni che vanno dal 1925 al 1929, la moneta nel senso più ampio aumentò del 10% mentre la moneta in senso stretto (M1)[1] ristagnava. Per fare un raffronto osserviamo che durante i quattro anni che vanno dalla  fine del 1995 alla fine del 1999, la moneta in senso ampio (M3)[2]  è aumentata in modo sbalorditivo del 41% che corrisponde a più del doppio della crescita del PIL nello stesso periodo.Se la crescita monetaria è stata da primato, essa è stata decisamente superata dall'aumento del credito, che, come negli anni 20, ha avuto luogo prevalentemente al di fuori del sistema bancario. Mister Greenspan ha diretto quest'esplosione del credito definendola semplicisticamente ragionevole e comprensibile, e, prendendo in considerazione esclusivamente il tasso di inflazione, egli ha automaticamente decretato la libertà totale di creare credito. Nel 1995 l'ammontare del credito finanziario e non finanziario è cresciuto di poco più di un trilione (mille miliardi) di dollari, dopo un aumento nel 1997 di 1,4 trilioni di dollari, i flussi di credito, nel 1998, si gonfiarono spaventosamente fino ad arrivare a più di 2,1 trilioni per raggiungere poi nel 1999 i 2,25 trilioni. In rapporto all'aumento del PIL di 459 miliardi di dollari nel 1998 e di 500 miliardi di dollari nel 1999  la creazione di credito è in realtà un fenomeno di totale pazzia isterica.

 

LA DIFFERENZA PIU'IMPORTANTE: LA FINANZA DELLE CORPORATIONS

Esiste poi un' altra differenza veramente spettacolare tra i due periodi presi in esame: la gestione finanziaria delle corporations. Come abbiamo già detto alla fine degli anni 20 le corporations americane hanno accresciuto la propria liquidità in modo frenetico attraverso l'emissione di azioni largamente in eccesso rispetto alle esigenze finanziarie degli investimenti. In questi ultimi anni le corporation hanno  perseguito una politica diametralmente opposta, infatti hanno esaurito freneticamente le proprie liquidità e si sono avventurate  nel tunnel dell' indebitamento per finanziare acquisizioni e il riacquisto delle loro azioni. Per fare un esempio, negli ultimi dieci anni, il rapporto tra debiti e capitale netto delle compagnie comprese nell'indice S&P 500 è balzato da 84 a 116. Certo, una differenza che colpisce. Ma perchè? Dei due andamenti, quello degli anni venti non necessita di ulteriori spiegazioni. Accrescere la liquidità nei periodi in cui il mercato offre capitali a lungo termine a buon mercato non è altro che la strategia finanziaria tradizionale delle corporations, per quanto la massiccia emissione di nuove azioni debba aver giocato sicuramente un ruolo importante nello stroncare il boom nel 1929. Ciò che è veramente sbalorditivo è quello che è avvenuto nella seconda metà degli anni 90. Pur tenendo conto del fatto che le imprese high tech hanno affollato il mercato azionario in maniera pressante con le IPO[3] , il settore delle imprese si rivela come il più grosso acquirente sul mercato azionario per l' aumento vertiginoso di acquisizioni e del riacquisto di azioni. L'acquisto di azioni in tempi in cui vi è un record di bassi rendimenti dei dividendi, situati attorno all'1%, in ragione dei loro prezzi elevatissimi, superiori di molto ai valori di bilancio, utilizzando denaro preso a prestito al costo di circa il 6 -7% , non è solo una attività in patente contrasto con la tradizione delle corporation ma anche con una aspettativa di profitto ragionevole. In breve ciò che avviene è una follia, ma il dilagare di questa follia nasconde una ragione interessante che invece è facile da identificare ovvero l'ossessione senza precedenti della massimizzazione a breve termine del valore azionario

In parole povere, negli Stati Uniti è mutata radicalmente la filosofia della gestione societaria, ma in meglio o in peggio? L'idea dominante, basata sulla continua ascesa degli indici di borsa, rivendica la realizzazione di spettacolari miglioramenti nella efficienza delle corporations e prende per ovvio che questo cambiamento - con il contemporaneo utilizzo delle nuove tecnologie- sta alla base della stupefacente performance di crescita che recentemente si è verificata nell'economia degli Stati Uniti.

Certamente, nelle nuove condizioni di mercato, la strategia e la politica delle corporation sono mutate radicalmente in varie maniere. Nei loro frenetici sforzi tesi ad aumentare il valore delle azioni, i managers delle imprese sono ricorsi principalmente a due mezzi: un indebitamento spudorato (rapporto tra debiti e capitale proprio) e l'ossessione della riduzione dei costi. L'incremento dell’ indebitamento implica la diminuzione delle disponibilità di liquidi e la trasformazione del capitale in debito. L'importanza che viene data alla riduzione dei costi, utile per incrementare i profitti ed i prezzi delle azioni, invece di favorire nuovi investimenti di capitale ha fatto aumentare automaticamente le fusioni e le acquisizioni. Nel nuovo capitalismo americano l' acquisizione di capacità produttiva esistente ha la precedenza sulla creazione di nuova capacità, mentre la creazione di ricchezza cartacea, mediante l'aumento dei prezzi delle azioni, ha la precedenza sugli investimenti di capitale produttivo. L'uso e l'allocazione di risorse reali ha determinato un consistente spostamento nella composizione del PIL verso il consumo privato la cui quota, nell'attuale crescita del PIL, sta aumentando ai massimi livelli storici.

 

 NUOVO PARADIGMA O  BOLLA? 

Cosa sta accadendo veramente negli Stati Uniti? Un nuovo paradigma economico creato dall'offerta oppure la più grande bolla finanziaria della storia che sta mascherando i pessimi fondamentali dell'economia? Confrontare le condizioni finanziarie ed economiche odierne con quelle della fine degli anni venti è un esercizio scioccante. Negli anni venti l'economia americana aveva un inflazione pari a zero che durava da anni grazie a forti incrementi di produttività, godeva di un persistente surplus di risparmi e di commercio estero, e nel periodo 1928-29 godette di un notevole aumento dei profitti, per non dimenticare poi le abbondanti riserve di liquidità che le corporation avevano accumulato attraverso l'emissione di azioni durante il periodo di crescita della borsa. Queste possono essere considerate condizioni di prosperità senza precedenti oppure di illusioni senza precedenti?

Come si presentano oggi queste condizioni che stanno alla base dell'economia e della finanza? In sostanza possiamo osservare dei dati piuttosto miseri sotto ogni aspetto infatti sono tutti negativi, e negativi all'estremo. Nonostante le manipolazioni statistiche, il tasso di inflazione degli Stati Uniti è superiore al 3%, il tasso più elevato tra i paesi industrialmente più avanzati, mentre il risparmio interno è il più basso di tutti i tempi ed il deficit della bilancia commerciale non è mai stato così elevato. Oltre ad essere un' economia con basso tasso di risparmio e di investimento, l'America è oggi una nazione che consuma capitale, come mostrato dall'aumento dell'indebitamento con l'estero che supera gli investimenti netti interni. Disgraziatamente i profitti delle imprese, secondo le statistiche ufficiali sui redditi, sono rimasti piatti da più di due anni, nonostante il boom in corso con tassi di crescita da record. La fuga delle aziende e delle famiglie dalla liquidità verso l'indebitamento non ha alcun precedente.

Prima questione: il boom incredibile della Borsa è un riflesso del valore reale creato nell'economia oppure è semplicemente una bolla cartacea basata sul credito?

Seconda questione: Quali sono le possibilità che la Fed sia in grado di prevenire un crollo della Borsa e di guidare un atterraggio morbido dell'economia?

Risposta preliminare. Gli eccessi finanziari accumulati e lo squilibrio dell'economia sono eccessivi per poter immaginare un lieto fine e le loro dimensioni portano inevitabilmente a una contrazione economica. Sotto l'influenza del monetarismo, la maggior parte degli economisti americani ritiene che è compito della banca centrale prevenire qualsiasi contrazione mediante la semplie 'stampa di moneta', ma concentrando la loro attenzione esclusivamente sul sistema bancario e sulla massa monetaria non riescono a vedere due ostacoli imprevisti. Uno è l'immane dose di creazione creditizia alla quale l'economia americana ed il suo sistema finanziario si sono assuefatti negli ultimi anni; l'altro è il canale di tale creazione di credito che, come negli anni 20, ha avuto luogo prevalentemente al di fuori del sistema bancario, attraverso i mercati finanziari. Fondamentalmente, qualsivoglia interruzione di questi flussi finanziari produce l'identico effetto negativo sull'attività economica che avrebbe l'interruzione dei prestiti bancari, indipendentemente da ciò che avviene sul versante dell'offerta di moneta. L'andamento usuale ed i primi indicatori di tale interruzione si manifestano con il declino dei prezzi, degli asset e l'allargamento degli spreads (utili lordi ndt) dei tassi di interesse tra effetti di tipo diverso. Considerando le immense somme di denaro coinvolte nei mercati, risulta evidente che, per l'economia americana, il pericolo più grave incombe sui mercati finanziari, incluso il mercato valutario e quello dei derivati. In America i contrasti avranno inizio quando l'economia mostrerà segni più evidenti di rallentamento e la gente comincerà a non farsi più illusioni sull'economia e su Mr Greenspan, pensiamo che ciò possa avvenire nel secondo quadrimestre o nella seconda metà di quest'anno.


 

[1] M1- sigla che dall'ottobre 83 indica l'offerta di moneta sottoforma di banconote e di monete in circolazione sommate ai conti correnti del settore privato depositati in Banca (ndt)

[2] M3 Questa sigla indica l'offerta di moneta come banconote e monete metalliche in circolazione più i depositi bancari, in qualsiasi forma, sia del settore pubblico che privato più i depositi bancari dei non residenti (ndt)

[3]IPO sta per Initial Pubblic Offering, l'offerta iniziale di azioni che viene fatta al mercato dopo la fondazione di una nuova società (ndt)

 

                                                                                                                    CONFRONTI

Iniziamo con un grafico del Dow Jones, con una finestra temporale che va dal 1929 al 1932 e che fa ‘emergere’ in modo chiaro cio’ che è accaduto in poco meno di  3 anni. L’indice è passato da un valore di oltre 350 punti ad un valore inferiore ai 50!

Una perdita di circa il 90% rispetto all’attuale discesa del Dow Jones, che ammonta a circa il 47%. Voi direte i tempi sono diversi.

 

dow-jones-1.png

Infatti se confrontiamo i tempi della discesa del 1929 (2 anni e 10 mesi), con una ipotetica discesa temporale, identica per tempi a quella del crash del ‘29, dovremmo avere il Dow Jones, ad agosto 2010, ad un livello di 1500 punti circa.

 

dow-jones-2.png

Oggi siamo a 8500 punti circa, immaginate cosa puo’ significare, per l’economia mondiale e non solo per l’economia, arrivare a 1500 punti.

 

 

A distanza di oltre tre quarti di secolo, si torna così a parlare della crisi del 1929, ritornata alla memoria proprio alla luce della gravità della situazione attuale. A richiamare l'immagine della Grande Depressione è il New York Times (NYSE: NYT - notizie) che parla di un vero e proprio collasso, spiegando che il risultato finale potrebbe essere la rovina dell'intero sistema bancario come già accaduto nel '29. Diverse però le cause che stanno alimentando la crisi attuale, dal momento che è cambiato del tutto il modello di gestione del denaro.
A fare alcune analogie con quanto accaduto nel 1929 è anche il presidente del Fondo Monetario Internazionale che in riferimento a quella attuale parla di una crisi senza precedenti, ritenendo possibili nuove tensioni a breve termine. Per Strauss-Kahn c'è una grande differenza rispetto alla crisi del '29, e risiede principalmente nel fatto che oggi disponiamo di strumenti che se da una parte non consentono di evitare la crisi stessa, dall'altra rendono possibile l'attenuazione e la correzione dei suoi effetti.
Ad escludere qualsiasi paragone con la crisi del '29 è Alberto Alesina, professore di politica economica all'Università di Harvard. A suo dire è sbagliato cercare analogie tra la crisi che stiamo vivendo e quella di quasi 80 anni fa, perché all'epoca sono stati commessi errori molto gravi di politica economica che invece non vengono ripetuti oggi. Per Alesina la crisi dei subprime avrà un impatto nel complesso contenuto sull'economia reale e non si propagherà a macchia d'olio, grazie anche all'esistenza e al funzionamento di strumenti di tutela del risparmio che non si potevano neanche immaginare nel '29. Per il docente di Harvard questo non significa che gli Stati Uniti eviteranno in ogni caso la recessione, ma è innegabile che il sistema finanziario stia reagendo bene all'onda d'urto della crisi.
E oltre ad Alesina c'è anche chi usa toni ancor meno drammatici in riferimento alla situazione attuale, come ad esempio Enrico Cisnetto che parla sì di una crisi grave, ma non dimensioni epocali, visto che almeno fino a questo momento la stessa si è trasferita in misura relativamente contenuta all'economia reale. L'ideatore di Cortina InConTra ritiene che ci siano alcune buone ragioni per guardare con prudente ottimismo al futuro, a partire dall'andamento della congiuntura che a livello globale si mostra ancora nel complesso buono. Un secondo elemento è offerto dal calo del prezzo del petrolio che si è allontanato con decisione dai massimi storici scendendo al di sotto dei 100 dollari, senza dimenticare l'intervento delle diverse Banche Centrali che continuano a iniettare liquidità nel sistema per sostenere i mercati finanziari.
 

SINTESI

L'economia veniva dal boom degli anni 20 molte imprese erano molto indebitate e per la prima volta ci fù l'espansione del credito al consumo... l'economia girò in negativo come accade da sempre diminuirono i prezzi delle materie prime e ci fù la solita contrazione che c'è in una fase economica di questo genere... le imprese più indebitate fallirono e questo provocò maggiore disoccupazione e minori consumi questo provocò anche fallimenti in imprese esposte molto nei consumi poi si arrivò alla crisi di liquidità (simile a quelle che c'è oggi) a questo punto fallirono molte banche americarine e questo provocò crisi internazionale facendo fallire anche altre banche soprattutto tedesche.
successivamente ci fu la grande depressione.

c'è da dire che nel 29 le banche centrali non intervennero come oggi, primo perchè erano relativamente giovani ed inesperte (in alcuni paesi neache esistevano) e secondo quando intervennero lo fecero troppo tardi.

secondo il mio parere la crisi di oggi è simile a quella del 29 per quanto attiene l'indebitamento (troppo elevato) e lo svilupo economico che si è avuto nel decennio precedente, ma è diversa da altri punti di vista:

1 sequenza
nel 29 prima crisi reale che poi ha coinvolto le banche
nel 07 prima crisi delle banche (titoli tossici) e poi ha coinvolo l'economia reale

2 derivati
ci sono troppi titoli derivati (troppa finanza) che nessuno ancora riesce a controllare